Lascia un commento

Cambiare tutto perché non cambi nulla


È passato più di un anno dall’insediamento del rettorato Rizzuto ed è ormai chiara la continuità con la precedente mala gestione. Questa governance sta dimostrando le stesse ottime capacità di navigazione nell’oceano del clientelismo tipiche dei predecessori.

Nell’accordo del 18 novembre 2015, con una maggioranza RSU che aveva finalmente superato l’asse Cgil-Cisl-Uil, avevamo messo le basi per una serie di riforme del sistema contrattuale: indennità di responsabilità, conto terzi, lavoro straordinario, ecc. Poi è arrivato il voltagabbana della Cisl e l’RSU, nella restaurata maggioranza Cgil-Cisl-Uil, ha messo in soffitta tutto il lavoro svolto, tirando anche un respiro di sollievo per aver salvato i privilegi dei soliti noti.

L’Amministrazione ha fatto subito retromarcia ed ha insabbiato le aperture di pochi mesi prima, dopo aver ricevuto i categorici “niet” dei direttori di dipartimento (che sono quelli che comandano veramente) sugli impegni precedentemente assunti al tavolo di contrattazione.

Così la revisione delle posizioni organizzative (indennità di responsabilità), su ordine dei direttori, si è trasformato in un affaire  gattopardesco dove nulla deve cambiare anche se apparentemente cambia tutto ed il meccanismo (molto “flessibile”) che pare sia stato deciso verrà calato sopra l’esistente in modo da ridurre al minimo gli scostamenti rispetto all’attuale, con lo scopo di reiterare l’arbitrio assoluto dei responsabili di struttura che potranno, domani come ieri, fare quello che più loro aggrada con i soldi del nostro accessorio.

Per quanto riguarda il conto terzi, la Consulta dei Direttori di Dipartimento ha fatto sapere che sulla questione “non passa lo straniero”. Così tutto è rimasto lì fermo immobile e intanto ci sono colleghi che continuano a portare a casa migliaia e migliaia di euro di proventi conto terzi mentre altri, che fanno lo stesso lavoro, non vedono neanche le briciole .

Lo straordinario? Guai a toccarlo! Anche quest’anno, dopo l’accordo sul salario accessorio del 5 dicembre 2016 firmato da Cgil, Cisl e delegati Uninsieme, arriverà la spartizione a tavolino, ovviamente su libera decisione del responsabile, che potrà continuare indisturbato ad elargire illegittimamente soldi pubblici per lavoro straordinario mai autorizzato, spesso svolto senza nessuna utilità. Sono ormai 15 anni di scandalosa violazione del CCIL (contratto integrativo del 2001) che prescrive inderogabilmente che il lavoro straordinario dev’essere preventivamente autorizzato.

Il PTA ha complessivamente un monte ore oltre l’orario ordinario che è arrivato a livelli spropositati. C’è chi va in pensione un anno prima della data d’uscita e intanto chi resta in servizio deve sobbarcarsi doppio carico di lavoro perché finché il dipendente non è cessato non si può assumere. A nessuno interessa questo problema, né ai Dirigenti, né al Direttore Generale, né ovviamente ai Direttori di Dipartimento, che hanno ben altre priorità (ad esempio gestire il manuale Cencelli del reclutamento della docenza) e così nessuno interviene.

Sulle PEO abbiamo già detto. Si sono purtroppo verificati i risultati che ci attendevamo. I criteri selettivi che abbiamo contrastato fino all’ultimo al tavolo di contrattazione hanno prodotto profonde ingiustizie perché non hanno nulla a che fare con capacità e merito ma accentuano le divisioni e i comportamenti individualistici. Come previsto, sono rimasti fuori dalla PEO 2016 (oltre che dalla 2015) una parte di colleghi che non avevano superato la PEO 2009-2010. E’ davvero intollerabile che gli altri sindacati non abbiano accettato la nostra proposta di mettere una corsia preferenziale per far passare tutte queste persone nel 2016. Noi non siamo fra quelli che sbandierano la PEO come un trofeo, diciamo che andava fatta perché consente a tutti un passaggio di posizione economica, però mai più con criteri come questi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: