Lascia un commento

Buoni pasto in lavoro agile


Il Dipartimento della Funzione Pubblica, nella circolare 2/2020 recante misure sull’organizzazione del lavoro durante l’emergenza coronavirus, ha previsto, tra le altre cose, la possibilità di erogare buoni pasto per il personale in smart working, non in modo automatico ma attraverso un accordo sindacale. Una quindicina di università hanno già fatto l’accordo e il personale riceve i buoni pasto. Abbiamo pertanto fatto richiesta alla nostra amministrazione e la risposta del DG Scuttari è stata NO.

Nessuna sorpresa, non potevamo aspettarci un atteggiamento diverso da parte di questa dirigenza, visto che in questi anni ha costantemente chiuso ogni possibilità di dialogo con il PTA, dimenticando peraltro che l’università in queste settimane è stata mantenuta in piedi grazie al nostro lavoro. Non ci siamo tuttavia arresi e abbiamo riproposto formalmente l’apertura del tavolo di confronto, che è stato fissato per venerdì 8 maggio.

Bisogna precisare che l’erogazione di buoni pasto in smart working non comporta un incremento della spesa pubblica, chiediamo che vadano al personale le risorse già stanziate, che allo stato attuale l’università risparmia e che, se non utilizzate, finirebbero nelle economie di bilancio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: